Benvenuti su Volumnio Lab!


Siete qui perché, lo saprete, il 27 Ottobre 2015 il MIUR ha varato il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (da qui in avanti PNSD) e questo blog è uno dei passi che il nostro Istituto sta compiendo sulla strada che esso ha tracciato, quella della digitalizzazione del sistema scolastico italiano.


Il digitale, in verità, è entrato nelle scuole già da tempo, ma con grandi differenze tra le diverse realtà italiane: alcuni istituti, coinvolti in sperimentazioni come Cl@ssi 2.0 e Scuol@ 2.0, grazie alle tecnologie introdotte hanno cambiato volto, altri - la maggioranza! - sono rimasti al palo. Il PNSD si pone come obiettivo la riduzione del gap tra questi poli opposti e la diffusione omogenea sul territorio nazionale della didattica digitale.


Ma cos’è, effettivamente, la didattica digitale? E perché è così importante, tanto da richiedere un complesso programma di intervento e finanziamenti corposi, probabilmente non sufficienti a soddisfare le richieste delle Scuole, ma comunque considerevolmente superiori rispetto al passato?


Intanto possiamo dire con certezza “ciò che non siamo”, ovvero ciò che la didattica digitale non è e non deve essere: non è usare le tecnologie per fare spettacolo, per catturare l’attenzione dei nostri alunni 10 minuti in più o per sostituire ciò che potremmo fare ugualmente, e forse meglio, con la lavagna d’ardesia e il libro tradizionale. Didattica digitale è rivedere profondamente gli ambienti d’apprendimento ma, soprattutto, le metodologie d’insegnamento per proporre una scuola nuova, adatta a costruire saperi e non a trasmetterli, un luogo in cui sviluppare le competenze su cui si fonda il nostro curricolo: questa è la strada che il PNSD ci indica.


Il documento, che potrete scaricare qui, ha il suo cuore in 35 azioni da realizzare nei prossimi 5 anni. Si tratta di un percorso complesso, impegnativo e monitorato, che prevede aggiornamento e formazione obbligatori per tutto il personale scolastico e che si accompagnerà, come è naturale, alla dematerializzazione dell’amministrazione. Per guidare le scuole in questa Rivoluzione (perché questo è!) il PNSD ha voluto che in ogni Istituto venissero individuati un Animatore Digitale, tre docenti a comporre il Team per l’innovazione, due amministrativi e una figura con funzioni di Presidio di pronto soccorso tecnico*; ha previsto inoltre, per questo personale, una formazione dedicata che sta cominciando proprio in questi giorni.


Questo blog, l’abbiamo già detto, è tra le prime iniziative promosse da Animatore e Team: è tutto da costruire, ma vorremmo che fosse il diario di bordo del nostro PNSD, l’abbiamo pensato come uno spazio di incontro e di confronto, di riflessione, di condivisione di esperienze e scambio di materiali per tutta la comunità scolastica e per questa ragione è aperto a chiunque voglia dare il suo contributo (per diventare autori mandate una richiesta a volumniolab@gmail.com).


Nelle prossime settimane avremo modo di approfondire insieme sia il PNSD, che le sue implicazioni didattiche e i loro fondamenti teorici; per chi, nel frattempo, volesse documentarsi, lasciamo qui alcuni contributi interessanti.


Siamo consapevoli che quello che ci attende è un lavoro duro e forse un po’ indigesto come tutti quelli imposti, che metterà in discussione la nostra professionalità e che richiederà dosi massicce della famosa (e purtroppo abusata) buona volontà degli insegnanti; tuttavia è nostra convinzione che l’aggiornamento non sia un obbligo di legge, ma un dovere per chi fa il nostro mestiere e che, soprattutto, la didattica digitale porterà davvero vantaggio ai nostri bambini e ai nostri ragazzi, poiché non alle tecnologie, ma a loro e al loro modo di apprendere, è orientata.


Per aspera, ad astra!


L’AD e il Team per l’Innovazione



*La squadra all’IC Perugia 12 è composta, nell’ordine, dalla prof. Marta Sabatta (AD), dall’insegnante Francesca Faloci, dai proff. Alessia Fiorucci e Lorenzo Pulcini (Team per l’Innovazione), dalle sig.re Simonetta Conti e Paola Righi e dal prof. Carlo Floris (Presidio PST).

Commenti

Post popolari in questo blog

Racconti di coding #1

Dalla parte dei lettori: la Biblioteca Scolastica dell'Istituto Comprensivo Perugia 12, innovazione e ricordo

Racconti di Coding #2. A lezione da Alessandro Bogliolo!